venerdì 4 novembre 2011

La prima cyclette non si scorda mai


Titolo un pò ironico per presentarvi il primissimo componente della mia futura home gym, ovvero la cyclette.
Come si può notare dalla foto (che non ritrae la mia.. ho preso l'immagine dal web) si tratta quasi di un oggetto vintage :) ma è in casa mia da tanti anni e funziona, perchè buttarla?

Non so a quando risalga, però penso appartenga alla mia famiglia da 20 anni o qualcosa di più, per quanto posso ricordare, ma a dispetto della sua età, non è stata utilizzata molto.. l'usura che si riscontra guardandola è dovuta più che altro all'età e all'averla conservata nei posti più disparati con poco riguardo.
Come dicevo, la foto non è proprio della mia, ma sono identiche, se non per il colore della sella. La marca è Atala e il modello si chiama Ginny stylex-voga.

Ovviamente a parte l'estetica, si capisce che non è il modello più moderno e tecnologico che si possa vedere in giro: tutto analogico, niente display o pulsantini, la simulazione delle pendenze avviene meccanicamente tramite cavetto e freno.. e così via.

Però anche se vecchia ed essenziale, ha quello che serve: il manubrio funziona anche da vogatore, al posto delle leve dei freni delle normali biciclette ci sono le leve con molla per allenare presa e avambracci, c'è il contakm, così come indicatore e regolazione pendenza.

Certo, le cyclette odierne sono più belle e rifinite, hanno sistemi migliori, i display digitali permettono di controllare più parametri, impostare obiettivi e tutto il resto, ma torno al pensiero scritto qualche riga fa: era già in casa e per ora funziona, quindi non ho trovato motivo per buttarla via o comunque comprare una nuova cyclette.
Questo anche considerando i costi per allestire un minimo di home gym dedicata principalmente ai pesi, quindi se riesco a risparmiare i soldi di una cyclette, li posso invece spendere per tutto quello che ancora mi manca.

Non nego poi che prima o poi mi vorrei concedere lo sfizio di una cyclette moderna per via di alcuni vantaggi che porterebbe, ma per ora vado avanti così, poi quando questa cederà (potrebbe essere tra un mese come tra altri 20 anni) la sostituirò.

A parte tutto questo, penso sia chiaro che una cyclette, di qualsiasi tipo sia, è molto utile nell'ambito della perdita di peso, sia come unico allenamento, sia da abbinare ad altre cose (come appunto i pesi).
Nel mio caso poi va benissimo, in quanto ho sempre preferito la bicicletta alla corsa, in più è utile per allenarsi con costanza anche nei mesi invernali e nei giorni di pioggia, dato che con il maltempo di questi periodi, non sempre è fattibile farsi una bella pedalata all'aria aperta e farla nei giorni prestabiliti.

Nessun commento:

Posta un commento